Home Collezioni
Italiano English

Sezione Scultura

La sezione che occupa alcune sale del palazzo Viani-Dugnani, ospita opere di Giulio Branca, Paolo Troubetzkoy e Arturo Martini.

Al termine della scala che porta al primo piano, prima di entrare nella sezione pittura, si possono vedere alcuni lavori dello scultore cannobiese Giulio Branca (1850-1926), artista che, mossi i primi passi con uno stile neoclassico, si orienta verso il filone romantico, sempre però con un’attenzione veristica.
Il Museo ne conserva 22 opere, per la maggior parte lasciate dagli eredi dell’artista. 

Troubetzkoy Autoritratto, databile 1912, gesso patinato gialloQuattro sale del piano terra sono dedicate allo scultore impressionista Paolo Troubetzkoy (1866-1938), nato a Intra, sul lago Maggiore, da padre russo e madre americana. Per desiderio dell’artista stesso, i suoi eredi donano al Museo del Paesaggio tutte le opere in gesso lasciate sia nella residenza verbanese che nello studio di Neuilly sur Seine, in Francia.

In una grande sala del primo piano sono esposti due bronzi, cinque terracotte, nove gessi, sette dipinti e quattro medaglie di Arturo Martini (1889-1947), la cui intensa attività artistica, così ricca di esposizioni e continue creazioni, lo porta a diventare uno dei più importanti scultori italiani del Novecento. Grazie alla disponibilità della compagna Egle Rosmini, originaria del lago Maggiore, il Museo del Paesaggio si arricchisce negli anni 1979-80 di sculture, dipinti e materiale documentario relativo a Martini.

Attualmente la sezione è chiusa per lavori di restauro, una parte delle opere sono visibili nella mostra "Genius Loci. I capolavori del Museo del Paesaggio a Villa Giulia", in corso Zanitello 8 a Pallanza a circa 500 metri dal Museo del Paesaggio.  

© All Rights Reserved - MUSEO DEL PAESAGGIO via Ruga, 44 Verbania 28922
Powered by Netycom