Tel. +39 0323 557116
NEWSLETTER 

Nei labirinti dell’anima Russa




DAL
25/01/2020
AL
30/09/2020
giovedì
10.00/13.00
venerdì
14.00/18.00
sabato e domenica
10.00/18.00

Adulti
5 €
-12 / +65
3 €


0323.557116
segreteria@museodelpaesaggio.it

Il Museo del Paesaggio inaugura la mostra “Nei labirinti dell’anima russa” organizzata da società StresArt (direttore Aleksander Rozhdestvensky, direttore artistico Vasilisa Postnikova) e curata dall’architetto Yulia Pyanzina.

Nella sede di Palazzo Viani Dugnani saranno esposte le opere di alcuni artisti contemporanei russi in dialogo con i lavori di Paolo Troubetzkoy. In particolare saranno allestiti lavori degli scultori Andrey Krivolapov, scultore specializzato in vetro antico e professore dell’Accademia di Belle Arti di Mosca; Daria Surovtseva, scultrice e grafica specializzata in scultura astratta in porcellana che, attualmente, lavora a Parigi; Marina Kapilova, scultrice, grafica e disegnatrice di gioielli d’autore di Minsk,le cui opere in bronzo sono caratterizzate da uno stile inconfondibile e Vasilisa Postnikova art director di StresArt che si occupa della lavorazione di vetro artistico nel suo grande laboratorio di Mosca. Nel suo portfolio sono presenti i progetti dell’importanza nazionale come per esempio la ristrutturazione di 32 vetrate nella storica stazione metropolitana di Mosca “Novoslobodskaya” e il Teatro di Mosca Oleg Tabakov.

Una seconda sezione dell’esposizione è prevista presso gli spazi di Casa Ceretti in Via Roma 42 a Intra dal 14 Febbraio all’1 Marzo 2020 e presenterà le opere dei pittori Nikolai Postnikov, uno dei più brillanti rappresentanti della tarda avanguardia sovietica; Olga Petrovskaya-Petovradzi, pittrice di Mosca specializzata in olio su tela, fonti principali della sua ispirazione sono il sole del sud e i colori vivaci della natura subtropicale e tropicale, ma anche le opere simboliche e decorative e infine la famiglia Zhukova, composta due giovani artiste Angelina e Ekaterina Zhukova e la madre Olga Zhukova che presentano dei  dipinti realizzati con la tecnica del batik d’autore su seta con elementi di ricamo.

 

BIOGRAFIE DEGLI ARTISTI ESPOSTI

 

ANDREY KRYVOLAPOV

Kryvolapov è nata il 4 luglio del 1975 nell’antica città russa di Kursk. Ha iniziato a dedicarsi alla creatività già in tenera età, mentre studiava contemporaneamente cultura dell’arte in una scuola d’arte. Vivendo in una famiglia di artisti e guardando le opere di suo padre scultore, Andrey fin da piccola aveva già del talento per la visione artistica della composizione, della plastica e del disegno. Il primo e principale mentore è stato ed è tuttora il padre dell’artista. Essendo uno scultore meraviglioso, ha coinvolto suo figlio con il suo entusiasmo e la sua creatività. Krivolapov iniziò la sua formazione accademica presso il Liceo Artistico di Voronezh e proseguì presso l’Accademia d’Arte di Stroganov a Mosca nel dipartimento dedicato alle opere in vetro. Dopo aver completato gli studi nel 2001, Andrey Krivolapov ha deciso di collegare la sua arte al vetro. Ha iniziato così  esperimenti creativi con la fusione di sculture di vetro prendendo spunto di lavori da altri studenti dell’Accademia. Andrey fu sempre attratto dal vetro antico, dalla primordialità e dall’antichità di questo materiale. La parziale trasparenza con sabbia, argilla, bolle di soda e patina del tempo affascinava lo scultore. Nelle sue opere, Krivolapov cerca di esporre e ricreare la natura del vetro, aggiungendo ossidi di metallo al materiale, componendo così una carica per i getti nello stampo arrivando così a una nuova visione estetica delle opere in vetro. Nelle sue opere, lo scultore cerca di attirare la sensazione di immediatezza, carattere, emozione e calore dell’immagine.

Ogni suo lavoro conferma la sua tecnica e migliora la plastica evolvendo il proprio stile e studiando maestri del XX secolo che lo ispirano come Giacomo Manzù, Antoine Bourdelle, Marino Marini, Henry Moore.

L’interessante modo creativo di Andrey e l’eccezionale artigianato attirarono rapidamente l’attenzione degli specialisti nei confronti del suo lavoro. Nel 2004 è diventato membro a pieno titolo dell’accademia di  Mosca, dal 2006, dell’Unione Russa degli Artisti e dal 2010 è entrato a far parte del consiglio di amministrazione di questa Unione. La combinazione di elevata abilità nell’artigianato professionale classico, profonda conoscenza della tecnologia di lavorazione del vetro e di altri materiali, ed il costante desiderio di padroneggiare nuovi stili e tecnologie sono apprezzati sia dagli spettatori che dagli specialisti: Andrey ha ricevuto premi e diplomi da molte mostre russe ed internazionali. Nel 2008 ha ricevuto l’argento, e nel 2015 – la medaglia d’oro dall’Accademia delle arti russa, nel 2010 e nel 2015 gli è stata assegnata la medaglia d’oro dell’Unione degli artisti della Russia e nel 2017 la medaglia d’oro del presidente della Russia. Dal 2014, Andrey Krivolapov insegna disegno accademico presso la sua alma mater, l’Accademia d’arte di Mosca.

DARIA SUROVTSEVA

Un’artista molto giovane e di talento, le sue straordinarie creazioni sono come sogni viventi: belle, insolite, intricate e raffinate. Le sculture dell’artista forniscono una nuova dimensione alla porcellana, un materiale legato ad antiche tradizioni che trova forme insospettabili ed inaspettate. Solo un vero artista può cogliere la dinamica e la leggerezza delle fragili porcellane, sentire le melodie della modernità e far immergere questa musica in una danza irreversibile e appassionata. Daria Surovtseva nasce nel 1980 a Mosca da una famiglia di scultori. Consegue la laurea con successo presso l’Università delle Belle Arti di Mosca, in Russia.

Successivamente lavora presso la Manufacture Nationale de Sèvres, la città natale della porcellana europea. Le opere della giovane artista contribuiscono a migliorare le collezioni di estimatori d’arte moderna di tutta Europa, Asia, America e Russia. Oltre alle sue sculture sorprendenti, Surovtseva ha creato una serie di opere grafiche affascinanti, in cui lo stile riconoscibile e impeccabile dell’autrice delizia e attrae lo spirito.

Le opere di Daria Surovtseva sono molto apprezzate a livello mondiale e sono state esposte in diverse mostre e concorsi internazionali. Solo nel 2018 ha ricevuto il riconoscimento “L’innovazione nell’Arte” (ICART, Francia) e il primo premio della mostra “La Galleria delle Illusioni” (Blois, Francia). Nel corso degli anni le opere dell’autrice hanno ricevuto decine di diplomi e premi in Russia, Belgio, Svizzera e Corea.

MARINA KAPILOVA

Marina Kapilova vive e lavora a Minsk (Bielorussia), dove l’artista si è laureata presso l’Accademia d’arte.

Marina Kapilova è dotata di un talento che si diffonde in tutti i  campi quali la scultura (bronzo, fondazione), ceramica, metallo artistico (oreficeria e arti plastiche decorative), bambole d’autore in porcellana, arti grafiche per libri e cavalletti (litografia, penne e matite calligrafiche, acquerelli), collage etc.

Marina è in grado di passare da una forma o tecnica plastica all’altra con leggerezza ed equilibrio. Marina Kapilova è la mente di uno stile originale, altamente espressivo, un po’decadente, in cui la sottigliezza delle osservazioni plastiche incontra la fantasia romantica arabesca. Oggi le idee principali del suo lavoro sono la scultura e la litografia. Le sue sculture e la sua opera grafica sono contrassegnate da un acuto, quasi grottesco senso della forma e della struttura plastica.

È assolutamente libera quando si tratta di definire angoli, contorni estremamente precisi e potenti. Grazie alla sua collaborazione con Dmitry Molotkov, un esperto maestro tipografo, alcune delle stampe litografiche di Kapilova  rappresentano dei pezzi unici e originali e dotati di grande tecnica.

VASILISA POSTNIKOVA

Nasce nel 1980, figlia di un artista anticonformista d’avanguardia russo Nikolay Postnikov.

Si è laureata prima al Moscow State Academic Art College “in memoria del 1905” e poi all’Università Statale di Arti e Industria Stroganov nel 2002. Dal 2005 è membra dell’Unione degli artisti della Federazione Russa.

Prima di tutto lei rappresenta la persona che ha lasciato l’impronta più importante nella sua creatività, suo padre, che a sua volta ha cambiato più di uno stile artistico nella sua vita creativa. Vasilisa lavora con varie tecniche e materiali, ed è particolarmente attratta da progetti monumentali e decorativi. L’artista è coinvolta in progetti di restauro urbano e architettonico e ha partecipato al restauro di

vetrate per la stazione monumentale Novoslobodskaya della metropolitana di Mosca. È l’opera più recente e significativa di Vasilisa ed è stata lo sviluppo e la produzione dei pannelli in vetrata cromatica per il Teatro Oleg Tabakov a Mosca. In termine di creatività, le piace combinare materiali diversi quali vetro, ceramica e tessuti. In pittura, segue le orme del padre attraverso un’evoluzione stilistica fluida, attualmente caratterizzata da interessanti influenze surrealiste. Anche nel lavoro con il vetro Vasilisa cerca sempre l’uso

del materiale non standard, andando oltre la visione di una vetrata piana, cercando di ottenere l’effetto della scultura con elementi di forme architettoniche. A corredo della propria carriera artistica, Vasilisa si occupa

di promozione e divulgazione di arte moderna. Dal 2017 divenuta il direttore artistico della Galleria Stresart l’artista è convinta che l’arte contemporanea generi un riflesso del mondo, creando così un’impressione indelebile che permane per molti anni a venire. E’ sua convinzione che gli artisti contemporanei di oggi siano fonte di un’enorme eredità che, Vasilisa  è certa e verrà pienamente compresa ed apprezzata solo in un secondo momento. Da qui deriva la sua volonta’ di raccogliere e promuovere, anche mediante la sua attivita’ di gallerista, le opere degli artisti piu’ originali e particolari dell’epoca.



Centro Studi del Paesaggio

Visita il sito del Centro Studi del Paesaggio

Sostienici