Home Collezioni
Italiano English

Luigi Bolongaro

Nato a Stresa nel 1874, frequenta l’Accademia Albertina di Torino dal 1887 al 1894, dove riceve gli insegnamenti anche di Pier Celestino Gilardi e Giacomo Grosso.
Nel 1896 si reca in Bulgaria e per tre anni insegna disegno e calligrafia in due ginnasi maschili; nel 1898 il governo bulgaro acquista un suo dipinto per il Museo Nazionale di Sofia e gli commissiona cinque gouaches per l’album antologico in ricordo dell’indipendenza nazionale.
L’anno seguente Bolongaro ritorna in Italia e si stabilisce a Varzo, in Ossola.
Tra il 1901 e il 1914 intraprende un’attività espositiva che tocca le città di Torino, Venezia, Novara, Genova, Milano, Vercelli, Stresa, Intra. Nella sua pittura, soprattutto nei paesaggi, anche animati, del lago Maggiore e di Varzo si precisa un tessuto cromatico squillante, a strisce e chiazze, strettamente imparentato alle soluzioni divisioniste. Bolongaro è poi notevole ritrattista e pittore di figura.
Muore nel 1915 a Pozzuoli.
Nel 1982 il Museo del Paesaggio, dedicandogli una retrospettiva, ne riscopre la rilevante personalità artistica, in precedenza totalmente ignorata.


Fanciulla a Varzo, 1901

© All Rights Reserved - MUSEO DEL PAESAGGIO via Ruga, 44 Verbania 28922
Powered by Netycom